Articles

Analisi dell’offerta

(L’analisi dell’offerta è sempre dal punto di vista del fornitore/produttore)

Nel nostro linguaggio ordinario la parola offerta è usata per significare così tante cose. A volte l’offerta è presa per significare lo stock di un bene immesso sul mercato; mentre a volte è considerata come il flusso di produzione. In economia, l’offerta significa la quantità di prodotto messa in vendita ad un prezzo durante un particolare periodo di tempo. In questa definizione di offerta non abbiamo preso in considerazione la produzione totale durante un determinato periodo, ma solo la quantità messa a disposizione per la vendita. Dobbiamo tenere presente la distinzione tra l’offerta, come l’abbiamo definita, e la produzione. Così, è possibile che di uno stock totale di ciò che viene prodotto, una parte sia portata in vendita e una parte sia trattenuta con un’aspettativa di un futuro aumento del prezzo. Allo stesso modo, è anche possibile che l’offerta sia maggiore della produzione corrente – se il prezzo corrente è redditizio, le scorte precedenti possono essere rilasciate.

A differenza di una curva di domanda, una curva di offerta ha una pendenza positiva, che riflette la legge dell’offerta. La legge dell’offerta afferma che la quantità fornita è positivamente correlata al prezzo; cioè, le aziende offrono quantità maggiori a prezzi più alti e quantità minori a prezzi più bassi. In questo caso, il prezzo è la ricompensa per la produzione, così che prezzi di mercato più alti portano a quantità maggiori. I prezzi più alti forniscono alle imprese fondi extra per acquistare più risorse o input per aumentare la produzione. I prezzi più alti agiscono anche come un segnale per i produttori che i consumatori apprezzano molto i loro beni e ne desiderano di più.