Articles

Gli antichi pinguini erano giganteschi predatori ondeggianti

“Il loro becco assomigliava molto di più a quello di una cicogna”, ha detto il dottor Mayr. “

L’ala dei primi pinguini non era ancora la lama corta e rigida che si trova sui pinguini viventi. “Probabilmente erano in grado di piegarla un po’ più lontano di quanto possano fare i pinguini oggi”, ha detto il dottor Mayr. “C’era più possibilità di flessione”.

La differenza tra Waimanu e Kumimanu sta nella loro altezza. Waimanu era alto solo due piedi e mezzo. Kumimanu era più di due volte più alto.

“Sapevamo già che i pinguini erano in giro, e senza volo, solo pochi milioni di anni dopo l’estinzione”, ha detto Daniel T. Ksepka, un paleontologo del Bruce Museum di Greenwich, Conn, che non è stato coinvolto nel nuovo studio. “Il nuovo fossile mostra che hanno raggiunto dimensioni immense molto rapidamente, il che è fantastico.”

Il dottor Mayr ipotizza che la drammatica origine dei pinguini sia stata scatenata dalle estinzioni di massa che hanno segnato l’alba del Cenozoico. Improvvisamente gli oceani furono svuotati di molti dei loro più grandi predatori. I pinguini potevano adattarsi a catturare le prede sott’acqua senza molta competizione, o paura.

“È un’ipotesi educata che ha senso, ma non ci sono prove solide come la roccia”, ha detto il Dr. Mayr.

Un modo per verificare questa ipotesi sarebbe quello di scoprire fossili precedenti. “Sarebbe bello avere un antenato volante dei pinguini”, ha detto il Dr. Mayr.

I primi oceani del Cenozoico non hanno solo aperto la strada all’evoluzione degli uccelli acquatici senza volo, ha ipotizzato il Dr. Mayr. Potrebbe anche aver favorito l’evoluzione verso grandi dimensioni.

La selezione naturale favorisce gli uccelli volanti leggeri perché devono lavorare molto duramente per rimanere in alto. I pinguini non pagano questo costo. Diventare più grande potrebbe aver portato anche dei vantaggi. Un corpo grande rende la preda più difficile da uccidere.