Articles

Problemi agli occhi nei cavalli

di David Sauter, DVM
I cavalli hanno più della loro giusta quota di problemi agli occhi se paragonati ad altri animali domestici. Prima di passare in rassegna alcuni dei problemi più comuni, ecco alcuni fatti divertenti riguardanti gli occhi equini:
I cavalli hanno il globo più grande di tutti i mammiferi terrestri.
-L’occhio del cavallo ingrandisce le immagini del 50% più dell’occhio umano.
-La posizione molto laterale dell’occhio all’esterno del cranio, la conformazione piuttosto a cimice e l’orientamento orizzontale della pupilla danno al cavallo un ampio campo visivo monoculare (bidimensionale) (ogni occhio può vedere 195º da un lato all’altro e 175º dall’alto in basso).
-La visione binoculare (cioè tridimensionale) è l’area di sovrapposizione nel campo visivo di entrambi gli occhi e, per il cavallo, è di 65º e il loro campo visivo.
-Il campo visivo orizzontale totale è di 350º.
-I cavalli hanno un punto cieco direttamente davanti al muso e un altro parecchi metri dietro la groppa
-I cavalli sbattono le palpebre da 5 a 25 volte ogni minuto.
-I cavalli hanno una certa visione dei colori – vedono i gialli, i blu e i verdi ma non vedono bene le sfumature rosse.

Problemi comuni degli occhi

Colpi oculari gonfi
Una causa comune di palpebre gonfie è il trauma sotto forma di lesione alla testa, come la collisione con oggetti solidi o un calcio. Finché l’occhio stesso non è danneggiato e solo le palpebre sono colpite, il trattamento è abbastanza semplice. I farmaci antinfiammatori non steroidei sono molto utili. La banamina è migliore per l’infiammazione oculare rispetto al Bute o all’Equioxx. L’applicazione di un impacco di ghiaccio riduce il dolore & il gonfiore e, se il cavallo tollera lo shock iniziale del freddo, potrebbe piacergli. Generalmente il trattamento si traduce in un rapido miglioramento, a meno che non ci sia un danno maggiore di una semplice palpebra gonfia. Traumi più gravi possono portare a gravi danni che coinvolgono il globo stesso. Per esempio, frattura delle ossa dell’orbita, emorragia nella camera anteriore, uveite, dislocazione del cristallino e distacco della retina.

Ci sono altre cause di gonfiore palpebrale. Le punture di insetti sono comuni. Le reazioni allergiche sono un’altra causa. Con una reazione allergica, generalmente entrambe le palpebre si gonfiano, così come altre strutture della testa, come il muso e le narici. Le reazioni allergiche che risultano in un gonfiore degli occhi & della testa possono essere abbastanza serie e possono richiedere l’attenzione immediata del veterinario.

Lacerazioni delle palpebre
Purtroppo le lacerazioni delle palpebre nei cavalli non sono rare. Il normale comportamento di graffiare spesso può esserne la causa. Gli occhi dei cavalli hanno prurito e amano grattarsi. Gli oggetti appuntiti fanno un ottimo lavoro di graffio, fino a quando uno di essi sfortunatamente si aggancia alla pelle, facendo sì che il cavallo scuota la testa all’indietro e strappi il bordo della palpebra, lasciandola appesa sotto l’occhio dal suo restante attacco. Quando si riparano queste lesioni, è importante preservare il normale margine anatomico della palpebra per assicurare la sua corretta funzione di pulire la superficie dell’occhio e mantenerlo umido. Di conseguenza, le lacerazioni palpebrali richiedono una pronta attenzione veterinaria. Il gonfiore si sviluppa rapidamente e interferisce con la riparazione.

Ostruzione del dotto nasolacrimale
I cavalli hanno lunghi condotti lacrimali che incanalano il vecchio film lacrimale fuori dall’occhio per drenarlo nella narice. L’ostruzione di questo condotto provoca un eccesso di lacrime, che finiscono per scorrere sul viso. La pelle sotto l’occhio si irrita e attira sporco e detriti dall’umidità cronica. Più comunemente, l’ostruzione è causata da detriti e muco. Il condotto può essere sciacquato mentre il cavallo è leggermente sedato. In alcuni casi, l’ostruzione è permanente, come il risultato di danni al cranio, tumori o tessuto cicatriziale all’interno del condotto.

Abrasioni corneali
I cavalli sono per natura attivi e atletici. Come già detto, hanno anche un occhio grande e prominente. Di conseguenza non è così sorprendente che soffrano comunemente di lesioni all’occhio, comprese le abrasioni alla cornea. I graffi alla cornea sono estremamente dolorosi, a differenza del semplice gonfiore della palpebra. Le lacrime spesso scorrono sul viso, perché il dolore provoca una sovrapproduzione di lacrime. Come le ferite in altre aree, la cornea danneggiata sviluppa un edema. L’edema corneale fa sì che la normale cornea traslucida diventi torbida. La cornea danneggiata causa un’infiammazione più profonda nell’occhio, chiamata uveite. Questo si traduce in una pupilla strettamente chiusa e costretta. Il trattamento consiste in antibiotici oftalmici topici per aiutare a difendere dall’infezione batterica. I farmaci antinfiammatori non steroidei come la Bute o la Banamina sono importanti per aiutare ad alleviare il dolore. L’atropina è usata per aprire la pupilla e rilassare i muscoli dell’iride.

Uveite ricorrente equina (ERU)
Questa malattia è più comunemente conosciuta come Moon Blindness. Ci sono anche altri nomi medici, come Oftalmia periodica. È una delle cause più comuni di cecità nei cavalli. L’incidenza complessiva negli Stati Uniti è stata stimata all’8%. La malattia è dovuta al malfunzionamento del sistema immunitario e ci sono diversi tipi e stadi della malattia. La forma classica ha attacchi ricorrenti di uveite grave con annebbiamento della cornea, annebbiamento della camera anteriore, dolore grave, sensibilità alla luce forte e pupilla gravemente ristretta. Di solito ci sono periodi tranquilli in cui l’infiammazione si placa, ma questi periodi sono seguiti da episodi sempre più gravi. Le aree torbide sulla cornea diventano permanenti, il tessuto cicatriziale si sviluppa all’interno dell’occhio tra l’iride e il cristallino, i corpora nigrans si restringono e l’iride può cambiare colore. L’intero globo dell’occhio si restringe in dimensioni e spesso si sviluppa la cataratta. Alcuni sviluppano un glaucoma come problema secondario.

C’è una forma più insidiosa di Moon Blindness, che è più comune negli Appaloosa e nelle razze da tiro. L’infiammazione è molto più lieve, cronica, con molto meno disagio. Tuttavia progredisce costantemente e alla fine porta anche alla cecità.

Il trattamento si concentra su due obiettivi principali – ridurre l’infiammazione, generalmente con corticosteroidi, e ridurre il dolore, principalmente facendo dilatare la pupilla con Atropina e usando farmaci analgesici come la Banamina. Le procedure chirurgiche si stanno dimostrando promettenti nel prevenire la recidiva dell’uveite. La natura ricorrente della malattia porta spesso alla cecità e alla rimozione chirurgica dell’occhio.

Tumori
Il carcinoma a cellule squamose può colpire le palpebre, la terza palpebra o la cornea ed è più comune nei cavalli con pelle non pigmentata intorno all’occhio. Il sarcoide è un altro tumore che può colpire le palpebre.

Gli occhi sono MOLTO importanti e delicati. Un trattamento rapido e appropriato è molto importante. Fatti consigliare dal tuo veterinario prima di iniziare qualsiasi trattamento per conto tuo.

Sono molto importanti e delicati.